Posted on Lascia un commento

La psicologia del bulldog

Sono cresciuta con i cani, adesso convivo con i bulldog, già la parola convivere apre un mondo, no non sono i miei fidanzati, di più! Sono i miei figli!

Nei tanti corsi che ho fatto nella mia vita, ne ricordo uno in particolare, marketing, ci insegnavano che i migliori venditori sono i bambini, perché se un ragazzino si mette in testa una cosa, farà del tutto per ottenerla, ti prende per lo sfinimento, avete già capito: i bulldog sono la stessa identica cosa. Ancor prima che entri in casa, tu pensi di aver programmato tutti gli schemi per lui, le ciotole sul tappetino in bagno, in cucina non sta bene, la sua cuccia dove non da tanto fastidio, collare guinzaglio separati per motivi di igiene, il mio guinzaglio è pieno di pipì, perché non lo lavo, chi si mette a lavare il guinzaglio di corda? Più bello sporco!

Se ha un cappottino sempre zona riservata al cane, si all’inizio lo chiamate cane, ancora non lo avete ben identificato. Qualcuno ha anche l’ansia, ancor prima di nascere già chiede il nome su facebook, è la domanda che ha più like e risposte in assoluto, perché gli utenti non sanno che chi scrive il post lo fa solo per far sapere che sta per prendere un bulldog!!!!!! Il nome da quel dì che lo ha già scelto!

“Cazzo ho rotto pure il salvadanaio del poro nonno defunto, nonna s’è magnata tutto c’ha lasciato solo cinquecento lire, tacci sua, se erano cinque euro manco quelle ce lasciava, dopo tre anni di risparmi adesso anche io ho il mio bulldog e ora tutti lo devono sapere, ho finito di sbavare per i bulli degli altri!”

Sulla mia pagina di aforismi sui bulldog inglesi, tra le tante persone mi seguono molti non hanno il bulldog, il loro sogno è un giorno di poterne avere uno tutto loro. E’ bello pensare che esistono persone che hanno la pazienza di aspettare, arrivano alla cifra giusta per un cane con pedigree e finalmente si godono questa palla di lardo!”

L’attesa di un bulldog può essere paragonata esattamente a quella di un figlio, solo che la mamma prima di partorire, si abitua già con la gestazione, il bulldog arriva dentro casa come un marziano, non sai dove metterti le mani. Prima del suo arrivo pensavi che tutto fosse organizzato a pennello, ma non hai fatto i conti con una cosa importante: esistono i cani e poi esistono i bulldog.

Quando sei arrivato in allevamento, quello era lì che giocava tranquillo, ma non ti è venuto in mente che da solo le cose potevano cambiare drasticamente?

Hai messo le traversine per terra? E indovina un po’ dove ti ha fatto la prima lunga pisciata? Non appena lo hai lasciato in terra, paro paro!

“Oddio, amò guarda quanta me ne ha fatta? Mo che famo?”

“Che Famo? Pulisci!”

Pensavi fosse tutto rose e fiori, fai un passo tu e un passo lui, un passo sulla piscia tu e un passo sulla piscia lui, zitta che ti ha già scambiato per la sua mamma, pulisci!

Fino a quel momento la tua casa era un bouquet di fiori di bosco, da adesso in poi preparati al peggio. Dopo aver pulito con cinque secchi di acqua finalmente il cucciolo se ne sta per i fatti suoi, ma non puoi lasciarlo solo un attimo che subito track, una bella defecata dentro al porta vaso… eh bravo Ettoruccio!!!

“Oh già m’hai rotto er cazzo!” Non si deve mai alzare la voce ad un bulldog, non solo ha paura, ma si offende, prima scappa, e poi si mette in un angolo offeso. Tu in quel momento che di cani non avevi mai capito nulla, ti senti un genio:

“Amò guardalo, gli ho strillato e s’è offeso, porello, che famo?”

“Daje er ciuccetto, che famo amò è un cane!”

“Si ma me fa pena!”

Purtroppo i sintomi ci sono tutti, pensavi di aver portato a casa un soprammobile vero? Hai sbagliato, hai aperto le porte ad un mondo fatto di sottomissione, paraculaggine e chi più ne ha più ne metta. Hai speso ottanta euro di lettino? Pensavi di essere in grado di educarlo a tua immagine e somiglianza, purtroppo è lui che educa te a sua immagine e somiglianza, sei talmente soggiogata che mandi a fanculo anche gli educatori quando provano a dirti che i cani devono rispettare i tuoi spazi! Il bulldog è un cane che ti rapisce giorno dopo giorno, sempre per chi li ama, è un cane che ti fa rinunciare a tutto, manco più dal parrucchiere, meglio la toletta a lui che i capelli a me. Con un bulldog impari ad essere altruista, cioè pensi solo a lui, cazzo te frega degli altri? Ma si perché in fondo se ci cerchiamo è per uno scambio di affetto di effusioni di chiacchiere, ma da quando un bulldog entra in casa, pure le chiacchiere le fai con lui.

“Amò nun te sento, che stai a dì?”

“Niente amò non parlo co te, parlo co Ettoruccio mio, lo sto a convince de uscì”.

Il tuo partner ormai ci rinuncia, è una guerra persa, le amiche tue ti invitano sempre più di rado, perché sembri un vegetale quando esci con loro:

“Oh ce stai? Ma che stai a pensa?”

“Oh! Scusa ero assorta, sapete che da quanno c’ho Ettoruccio mio, c’ho l’ansia”.

Al minimo accenno tutto il dialogo è rivolto a Ettoruccio suo, le amiche sono seriamente preoccupate a tal punto che si sono messe alla ricerca di un bullismo anonimo, l’hanno pure trovato, ma era quello sbagliato!

Ormai non abbracci più il tuo ragazzo la notte, lo prendi solo a calci per farlo smettere di russare, ma lo stesso russare di Ettoruccio tuo non si tocca, la mattina che puoi alzarti un po’ più tardi del tuo partner, lui ti cerca per darti un bacio e tu nel sonno che fai? Baci sulla bocca Ettoruccio tuo.

W I BULLDOG

Veronica Cucco

Se ti è piaciuto condividilo
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.