Posted on Lascia un commento

Se lo chiamo bullbimbo ci sarà un motivo

Vi sono mancata eh!?

Ogni tanto rifletto e mi vengono in mente certe scene strane, ora vi spiego. Esistono i cani e poi esistono i bulldog, quest’ultimi si differenziano per diecimila motivi dagli altri cani, perché noi ci rincoglioniamo di brutto e più ci dicono che sono cani problematici, più noi li giustifichiamo.

Io non vorrei dire nulla, ma sembriamo psicopatici quando lo lasciamo da qualche parte, dalla mamma per esempio!

“Ma ciao, che se dice? Che fai pe pranzo?” E’ ovvio hai i sensi di colpa, perché quando il tuo cane si trova a casa tua madre la sentirai si e no una volta ogni tre giorni, quindi la prendi alla larga e le poni le domande di rito.

“Bona la lasagna, quanno ce sto io non me la fai mai…” Qui ora inizi a fare la vittima

“A ma, me raccomanno a Ettore nun je dà niente solo le crocche sue, pesate… come sta? Aspetta a ma che te faccio la videochiamata che è figa!”

Tua madre non è stupida, ha già capito tutto, ma ti asseconda pur di non farti prendere dall’ansia.

Noi li trattiamo così, come dei figli, uguali e identici, loro sono i nostri bullbimbi pelosi, noi follemente innamorati di loro, soprattutto ce ne rendiamo conto quando andiamo in giro, infatti proprio perché sono come i ragazzini ecco che non accetti che le persone si approfittano di loro e della loro bontà. Se becchi uno a cui piacciono i bulldog e comincia a stropicciarlo ti parte l’embolo, perché ad un ragazzino non gli farebbe tutte quelle cose che fa al tuo bullo. Le sue rughe sono una calamita irresistibile alle persone, talmente irresistibile che la gente non si regola proprio!

Se provassero a fare la stessa cosa su un bambino, tornerebbe a casa gonfio come una zampogna, orecchie rosse, guance rosse, succhiotti sul collo e segni da pastrugnamento, sì! E’ tutto quello che fanno al nostro cane quando lo incontrano e non lo sopportiamo, perché siamo gelosi dei nostri bulli. Non sanno che viviamo per loro, una carezza basta e avanza poi vattene a fanculo altrimenti te cominciamo noi a torturare come fai tu col cane nostro! Insomma il bulldog è un eterno bullbimbo, e noi bullgenitori protettivi.

W I BULLDOG

Veronica Cucco

Se ti è piaciuto condividilo