Posted on Lascia un commento

Se il bulldog potesse parlare…

Quante gliene combinate a questi ciccioni rugoni eh? Sono una vera e propria calamita, a senso unico però, loro, a parte il letto che è sacro per tutti, sono delle cozze discrete, vado in bagno? Eccoteli, vado in cucina, il luogo più ambito, ormai l’associano al cibo, almeno per me, perché cucino per loro. Comunque devono sempre averti a distanza ravvicinata, non si sa mai che sta rompicoglioni che ci spupazza ogni istante della sua vita, ci sganciasse qualcosa da mangiare, già parlano? Immaginate per un attimo di dare voce al vostro bulldog.

Provo con i miei:

Frank: “Ahò so le sei, quanno se magna?

Questo è facile, perché Frank alle 17.45 inizia a mordermi le scarpe, si mette col culo pizzo e fa tutti versi strani. Adesso sono le 18.10 si sta avvicinando, tra poco dovrò interrompere perché non sente ragioni.

“Ahò te sto a fa capì in tutti i modi che c’ho fame? Nun me spupazzà è da stamattina che me stropicci tutto per chi m’hai preso? Eddaje no! Annamo a magnà! Guarda che te sgancio ‘na scoreggia!”

Sul letto si allargano troppo, questa mattina avevo la gamba destra fuori e mi sono detta che prima o poi un giorno cadrò dal letto, all’inizio si accucciano, poi si sbracano completamente, li assecondi per un po’, poi subentrano esigenze di posizione comoda.

“Per favore spostati!” Sembra che gli stai facendo un torto enorme.

“Ahò ma voi esse più delicata co sti piedacci, guarda che te sgancio eh!”

Scusate ma l’unica arma di distruzione di massa che hanno, oltre la bocca, è quella: il culo a propulsione!

Li vedi che sgambettano, come se gli avessi chiesto il favore più grosso della terra. Niente e non si spostano, devi scendere caricartelo di peso e spostarlo lontano dalla tua comodità.

“Mortacci che freddo andò m’hai messo!? Stavo tanto callo su le gambe tue, perché m’hai spostato? Sei proprio la peggio!”

Devi correre per metterti comoda, perché subito dopo si rimette nella stessa identica posizione e ricominciamo da capo. Questa, però è la versione invernale, quella estiva lasciamo perdere, letto, pavimento, pavimento sotto al letto, letto, pavimento e così via tutta la notte!

Ma quanto siamo cretini con quella voce stridula quando ci rivolgiamo a loro? Tanto! Mi ci metto in mezzo anche io, ma lo sapete perché? Perché quando ci rivolgiamo a loro con quella vocina da cugini di campagna, loro iniziano a muoversi tutti come le anguille, in realtà nessuno sa quello che in quel momento ci stanno comunicando, ve lo dico io:

“eehehe che rivole questa? Me fai le moine perché te devo fa un favore ve? Che voce da cretina, mi fai sbellicare dalle risate, dai forza nun ce girà intorno dimme che devo fa? Er bagnetto? Dovemo uscì? Dovemo pulì le rughe? Le rughe si solo se me pulisci er culetto….”

Alla vista del guinzaglio:

“No! Fori no te prego!!! Non c’ho voja de uscì sei proprio una ruffiana!” E in effetti da come si muovevano come le anguille mettendosi pure a pancia all’aria si bloccano e abbassano la testa!

Immaginate anche quando gli date la pappa, le crocchette per esempio….

“Dai Ettoruccio che si mangia!!!!” Il vostro entusiasmo dovrebbe farlo balzare, ma de che!

“Che palle sta robaccia, ma magnatela te no!”

E tu che sei lì che te le inventi di tutti i colori per fargliele mangiare, ma siccome tua mamma lo ha inzeppato di schifezze, quello ormai non vuole più sapere nulla delle crocchette, ci metti il parmigiano? Dopo un po’ le lecca tutte e poi via che le lascia lì, queste cose non ti fanno dormire la notte, perché la passi su facebook a chiedere consigli.

“Io non magno, tanto ce sta nonna che de nascosto me sazia come se deve, sento un profumino…”

Quando si tratta di mangiare le crocchette superscientifiche da un milione di euro, fa una pena infinita, sembra quasi malato, avete presente quando stiamo male noi e non ci va niente da mangiare? Via di minestrine! Ecco uguale, non ti danno soddisfazione nemmeno a pagarlo oro, la danno poi alla nonna non vi preoccupate. E voi che urlate:

“Maaaaaaaaaaa che j’hai dato da magnà?”

Il tuo bullo che se la ride, ormai sazio che pensa:

“Se ormai la stai pe acchiappà, lei è sverta, io una fogna, er cibo puf sparisce in un attimo, bono oh! Altro che le crocchette, magnatele te quelle!”

Il bulldog lo chiami e fa finta di dormire, allora il gioco ormai lo abbiamo capito tutti, basta una scatola di biscotti, lo vedi saltare come un grillo!

“Ecchime che c’hai? Faccio tutto, mi devo mette a sedé? Pronto, so bravo eh, che m’allunghi? Te devo da la zampa? Eccotela! Eddaje però, che me fai li scherzi, oh che me stai a pijà in giro?”

Lui capisce in realtà che dentro a quell’involucro non c’era nulla, perché ha visto cosa tenevi sull’altra mano….

“Sta paracula c’ha le gocce pe le recchie, me voleva buggerà, famme scappà via sotto al letto!”

E niente i bulldog sono così sembrano imbranati, tonti, invece oltre ad essere intelligentissimi, sono anche molto paraculi.

W I BULLDOG

Veronica Cucco

Se ti è piaciuto condividilo
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.