Pubblicato il

Inno all’amore quello vero e incondizionato.

Wilma dodici anni di amore puro 

Non posso rimanere indifferente di fronte ad un miracolo del genere, ora in questo momento, avevo proprio bisogno di questo miracolo. Mi è bastata una foto per emozionarmi e farmi scrivere due righe, sono ancora debilitata, ma non posso aspettare. E’ un periodo in cui leggo solo cessioni, cessioni di bulldog di tutte le età, i più anziani sono quelli più a rischio. I bulldog sono esseri che dalla nascita fino alla loro morte, hanno bisogno di noi, sono esseri che vivono grazie al nostro amore, se impari ad amarli, ti ripagano il doppio, ma molte persone non hanno mai imparato ad amare, magari perché a loro volta non sono mai stati amati, o sono semplicemente egoisti e non riescono a vedere un bulldog come un essere senziente,  quindi quando il bulldog con l’avanzare dell’età comincia ad accumulare acciacchi, diventa un problema serio e molti purtroppo non se la sentono di seguirlo fino al suo ultimo respiro. Ho seguito storie di fattrici abbandonate incinte, abbandonate solo perché i cuccioli in pancia erano meticci, oppure bulli legati in strada perché anziani e con tumore. La mia troppa sensibilità a volte mi allontana dalla realtà, ma ormai sono in questo mondo e le brutte notizie arrivano, io provo a ribellarmi, ma quello che si subisce di fronte al muro dell’ignoranza è spesso estenuante. Sono troppo poche le persone che invano cercano di sensibilizzare chi si avvicina alla razza. Sono sempre le stesse che prendono parolacce, quando fanno capire che il mondo non ha bisogno di cucciolate casalinghe di bulldog con i rescue strapieni, sono troppo poche le persone che rispondono con razionalità di fronte all’ennesima discussione sull’importanza del pedigree. Tutto questo ti fa desistere fino a che ti soffermi in questa che io chiamo l’isola del paradiso o isola dell’amore. Un proprietario che sprigiona amore per la sua nonnina di dodici anni. Queste foto parlano da sole, un bulldog che arriva a dodici anni con il suo bullgenitore, mi apre un piccolo varco di speranza. Marta non ha adottato la sua Wilma, ma è con lei da sempre, da quando è nata. Quando si fa entrare un cane in casa, non bisogna mai pensare al momento euforico di un nuovo arrivo speciale, un cucciolo che mette allegria, ma bisogna sempre mettere in conto, che loro purtroppo non vivranno a lungo con noi, quella maledetta breve vita che dilania ogni vero appassionato della razza, soprattutto se poi con l’avanzar del tempo arrivano le complicazioni. Wilma è una guerriera che sta vivendo la sua felicità con la persona che ha sempre provato un amore sincero nei suoi confronti, tutti i cani dovrebbero vivere dignitosamente una vita così, imparate ad amarli, arricchirete la vostra anima, lottate per loro fino alla fine. Non vi chiedono molto, solo la vostra vicinanza e affetto. L’amore incondizionato non deve mai essere a senso unico, ma a doppio senso, proprio come Marta e Wilma, loro unite per sempre. 

Veronica Cucco  

Se ti è piaciuto condividilo

Un pensiero su “Inno all’amore quello vero e incondizionato.

  1. La fortuna di vederli invecchiare non ha prezzo!! La mia Camilla aveva 14 anni quando mi ha lasciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.